Ritardi previsti per le Spedizioni Espresse da e per L’India

Audience: Sales e Solutions Groups, Regions e Business Units

Il governo Indiano ha introdotto una nuova tassa chiamata “Goods and Services Tax” (GST) che sara’ effettiva a partire dal 1 Luglio 2017. Cio’ comporta l’utilizzo di un nuovo Sistema chiamato “Elecronic Data Interface” (EDI) necessario per l’invio delle dichiarazioni doganali delle spedizioni express sia in import che in export. Inoltre, I mittenti UPS dovranno comunicare il corretto numero “Integrated Goods e Services Tax” (IGST), che viene a sua volta fornito dall’importatore Indiano. La mancanza di un numero IGST al momento dello sdoganamento puo’ causare un fermo del collo in dogana.

I clienti che spediscono in India dovranno essere informati che potrebbero verificarsi ritardi durante la fase iniziale di questo nuovo processo, e che questo periodo di transizione potrebbe durare alcune settimane. Durante questa fase si prevede che tutte le societa’ di trasporto nell’industria express siano impattate.

Cosa sta succedendo

  • La dogana ha introdotto un nuovo processo di sdoganamento e EDI per il momento solo presso il gateway di Mumbai, India
    • Gli altri gateways partiranno con l’utilizzo di EDI a partire dal 1 Luglio 2017
  • UPS Mumbai ha implementato, al fine di ridurre il piu’ possibile eventuali ritardi, un processo per contattare tutti gli importatori per fornirgli tutte le informazioni necessarie, incluso il numero IGST

Scopri di più da Top Fly - Corriere Espresso Brescia - Spedizioni - Trasporti - Brescia

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading